mercoledì 24 agosto 2016

Siamo vicini e solidali con le popolazioni colpite dal sisma

La tragedia che nella notte ha colpito il Centro Italia ci lascia tutti costernati. Ancora di più perchè, come avviene ad ogni evento sismico, ritorniamo in dietro con la memoria al terremoto del 1980 che tante ferite produsse nella nostra Comunità e che, a distanza di 36 anni, ancora ricordiamo nel 23 novembre che tante vite tolse e sconvolse. Un tuffo nel passato che, ahimè, si ripropone imprevedibile continuando a mietere vittime innocenti, a provocare disastri destinati a lasciare segni profondi nelle coscienze, nei cuori, nella quotidianità.
Il nostro è stato perciò un risveglio traumatico, ancora di più all'indomani della bella festa che ha allietato la nostra cittadina ignara, come chiunque altro, di quello che sarebbe successo in nottata. Stamattina piangiamo questi morti, compatiamo i feriti e assistiamo sgomenti alle immagini che la televisione ci rimanda di questa nuova tragedia naturale. 

Il primo pensiero che mi è sovvenuto, dopo l'umana compassione, è stato l'auspicio che la macchina dei soccorsi immediatamente scattata riesca ad alleviare dolori e a ridurre i disagi di tante famiglie, ma soprattutto che l'intervento dello Stato, cui sovrintendono il Governo e la Protezione Civile, rappresenti una svolta rispetto alle tristi vicende dell'Aquila che hanno ferito tante sane coscienze ancor più dell'evento sismico. In queste ore anche Piano di Sorrento si sta mobilitando per testimoniare solidarietà  umana, ma anche partecipazione concreta a dare una mano alle vittime di questo terremoto. 

Il Presidente dell'Ascom Gianluca di Carmine mi ha comunicato che l'organizzazione della Pizza Fest ha deciso di devolvere parte del ricavato della manifestazione in favore delle popolazioni colpite dal sisma e mi è sembrata davvero un'idea corretta che ho molto apprezzato. Anche i Lions si stanno mobilitando insieme alla Protezione Civile di Piano per allestire un gazebo solidale verso i terremotati e insieme a loro anche il Comune farà la propria parte. Essere propositivi, concreti, vale molto di più di qualunque polemica e critica che soprattutto in queste circostanze dovrebbero lasciare il posto a ben altre considerazioni perchè iniettare veleno invece di genuina solidarietà è solo delle coscienze animate da pregiudizio.

1 commento:

  1. Michele Maresca24 agosto 2016 14:45

    Sono perfettamente d'accordo con il sindaco. In questi momenti le polemiche e le iniezioni di veleno sono vergognose e vili. È giusto quindi che vengano precisati i mittenti e le circostanze di tali attacchi, in modo da palesarli agli occhi di tutti.

    RispondiElimina